Il pizzarello molfettese, "U' Pezzarìedde”.

Il pizzarello alla molfettese con tonno, "U' Pizzaridd" o “Pezzarìedde”. Una tradizione sopratutto durante il periodo pasquale. Potete mangiarlo con capperi e acciughe e pomodorini rossi, una vera e propria bontà unita alla tradizione. Non è una vera e propria ricetta bensì un “rito” della antica tradizione molfettese, ricordando con devozione la suggestiva processione del Venerdì Santo a Molfetta. Oggi il tonno è un alimento di largo consumo ma la tradizione è rimasta: il Venerdì Santo a Molfetta si mangia “ù Pezzarìedde", per evitare il consumo di carne, in memoria della passione di Cristo; il pane invece ha la caratteristica forma ovale con punte. Veniva consumato dai Confratelli, ed era quasi considerato come la loro colazione. Durante il percorso della Processione, molte erano le bancarelle che in passato lo vendevano. La cucina molfettese è ricca di tradizioni legate ad eventi sacri, ricordiamo ad esempio la “Domenica di Passione”, ovvero quella che precede la Domenica delle Palme, le abili massaie molfettesi erano solite preparare il ragù di seppie con tagliatelle ricce e mollica soffritta.
Foto: Molfetta nel Passato, Copyright ©.
 Leggi la ricetta.




Molfetta nel passato ©

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...