Le sette Statue e il Santo Repositorio.

Le sette Statue. Sabato Santo. Reposizione.
Chiesa di S. Maria Consolatrice degli Afflitti Vulgo del Purgatorio. Molfetta (BA).







Sabato santo: Processione della Pietà. Le sette statue in cartapesta sono opera dello scultore molfettese Giulio Cozzoli. Chiesa di S. Maria Consolatrice degli Afflitti Vulgo del Purgatorio.

San Pietro (vern."Sèn Bìete"), recato a spalla dalla Confraternita dell'Assunta,
La Veronica (vern."Là Veròneche"), recata a spalla dalla Confraternita del Carmine,
Santa Maria Cleofe (vern."Mèrì'à Clèefe"), recata a spalla dalla Confraternita di Maria SS. della Purificazione,
Santa Maria di Salomè (vern."Mèrì'à Salomè"), recata a spalla dalla Confraternita della Beata Vergine di Loreto,
Santa Maria Maddalena (vern."Là Mètalène"), recata a spalla dalla Confraternita dell'Immacolata,
San Giovanni Apostolo (vern."Sèn Gevènne"), recato a spalla dalla Confraternita di Sant'Antonio
La Pietà, portata a spalla dalla Arciconfraternita della Morte.
Le tre processioni seguono per molti tratti lo stesso itinerario. La ritirata della Processione del Sabato Santo si aggira di solito (salvo cambiamenti di orari) per le ore 21.30, dopo oltre 9 ore di processione.
Le Sacre Statue, portate in processione il Venerdì di Passione ed il Sabato Santo, sono state realizzate tutte dallo scultore molfettese Giulio Cozzoli tra il 1906 ed il 1956. L' Addolorata (1958), S. Pietro (1948), La Veronica (1906), S. Maria Cleofe (1924), S. Maria Salomè (1953), La Maddalena (1956), S. Giovanni (1927), La Pietà (1908). Leggi altro.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...