Santo Repositorio 2015. Chiesa del Purgatorio.

Il repositorio 2015 della Chiesa del Purgatorio è stata una grande novità, molto apprezzata, da tutti i Fedeli. Le Statue disposte in prospettiva lungo tutto il percorso della Chiesa sono state una spettacolare emozione per i numerosi fedeli. Possiamo dire che è una disposizione moderna, che forse in passato avrebbe avuto meno consenso agli occhi più attenti e per la prassi ecclesiastica. Vediamo il perchè:
nei luoghi di culto, il celebrante, l'altare, tutte le statue, Crocifissi e le rappresentazioni di Santi si trovano sempre in posizione più alta rispetto ai fedeli perchè queste figure sono simbolo di purezza e onnipotenza e non vanno mai poste alla stessa altezza dei normali fedeli che di certo non sono Santi. E' necessario infatti portare lo sguardo verso l'alto (verso il cielo) e alzare la testa per guardarli, in modo che percettivamente e di conseguenza psicologicamente, siano effettivamente sottomessi a questi simboli. Oggi invece si tende a modernizzare alcune prassi sempre esistite. 
In ogni caso una gran bella disposizione e molto apprezzata da tutti.




Foto di: Molfetta nel passato.

L’Arciconfraternita della Morte fu fondata il 26 aprile 1613 da trentotto galantuomini che volevano, per necessità cristiane, dare una degna sepoltura a coloro che per lo stato di povertà non potevano permettersela e venivano spesso lasciati per strada dopo la loro morte visto che, a quell’epoca, non esistevano ancora i cimiteri. Dopo poco meno di un anno, in data 28 gennaio 1614, la Confraternita "piorum Hominum" eretta nella chiesa di San Francesco nel subordio di Molfetta, sotto il titolo di "Confraternita della Morte", appena nata, ottenne su consenso e beneplacito del Vescovo mons. Bovio, l’aggregazione all’Arciconfraternita romana fregiandosi quindi del titolo di Arciconfraternita.
Sempre nel 1614, la ormai Arciconfraternita della Morte si stabilì nella Chiesa di Santa Maria de Principe, da tutti attualmente conosciuta come Chiesa della Morte, nel centro storico, dove vi rimase fino al 1º marzo 1739, quando vi fu il definitivo trasferimento nella Chiesa del Purgatorio, in cui ancora oggi ha sede.
Sin dalla visita pastorale di Mons. Pompeo Sarnelli nel 1699, risulta che l’Arciconfraternita della Morte aveva sovrapposto all’antico titolo quello di “S. Maria del Pianto”, lasciando con ciò intendere una disposizione particolarmente devota nei confronti di Maria Vergine Addolorata, ma aveva assunto quale propria patrona Santa Maria Maddalena, di cui celebrava la festa e per la quale aveva ottenuto l’indulgenza plenaria settennale.
Probabilmente di questa Santa i confratelli tendevano a imitarne lo spirito di conversione e di penitenza, così come era presentato dall’agiografia del tempo.
Santa Maria Maddalena è tuttora la patrona dell’Arciconfraternita della Morte, anche se da oltre un secolo se ne era persa la memoria.
Pompeo Sarnelli (Polignano a Mare, 16 gennaio 1649 – Bisceglie, 7 luglio 1724) è stato un Vescovo cattolico e storico italiano. (From: Wikipedia).

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...