Via Felice Cavallotti.

(Foto: Gegè L. Gadaleta album).
In foto: via Felice Cavallotti. Molfetta. Convitto Vito Fornari. Scuola primaria statale Cesare Battisti.

In via Felice Cavallotti (all'attuale civico 28 E) il 3 di Maggio si svolgeva la festa di Santa Croce davanti l'edicola devozionale raffigurante Gesù crocifisso. In questa zona sorgeva il palazzo di Don Giulio (molti anni prima tale festa era organizzata presso piazza Cappuccini davanti il monumento dedicato a Vito Fornari). Rientrava nelle cosiddette feste post-pasquali alla presenza del parroco e di tutti i residenti della zona ed erano momenti di preghiera e di unione. 
Ricordiamo anche che in quella che oggi è la via Felice Cavallotti, un tempo sorgeva la fabbrica di: alcool, cremore e molino di grano, Vincenzo Gallo & Figli (Guglielmo), poi trasferitasi presso l'attuale via Madonna della Rosa (zona stazione ferroviaria) nel 1880, con cambio di produzione (cementificio alimentato a vapore) nel 1911. Ricordiamo in via Felice Cavallotti anche la scuola primaria statale Cesare Battisti il cui progetto di costruzione dell'edificio risale al 1911; il nucleo principale è attivo già dal 1920. Il 13 marzo 1932 fu effettuata la piantumazione dell'albero a ricordo di Arnaldo Mussolini, presso la scuola Cesare Battisti. 
Nel 1991, furono effettuati i primi adeguamenti delle volte e della pavimentazione del primo piano. 

Vito Fornari (Molfetta, 10 marzo 1821 – Napoli, 6 marzo 1900) è stato un presbitero, scrittore, teologo e filosofo italiano.

Nato a Molfetta nel 1821, fu ordinato sacerdote nel 1843. Collaborò con il grammatico e lessicografo napoletano Basilio Puoti e dal 1860 diresse la Biblioteca Nazionale di Napoli.

Nella sua vita si dedicò alla stesura di opere filosofiche e teologiche: si ricordano L'armonia universale (1850); i quattro volumi de L'arte del dire (1857-1862), dove si occupò di estetica; e la Vita di Gesù Cristo, la sua opera più conosciuta, pubblicata in tre volumi tra il 1869 e il 1893, dove utilizzava la vicenda di Gesù come allegoria per reinterpretare la storia dell'umanità. (Wikipedia).


(Ringraziamo Gegè Gad Luigi Gadaleta per aver concesso queste bellissime foto).

(Gegè L. Gadaleta album foto).

Cesare Battisti (Trento, 4 febbraio 1875 – Trento, 12 luglio 1916) è stato un patriota, giornalista, geografo, politico socialista e irredentista italiano.

Cittadino austriaco di nascita, direttore di giornali socialisti nella città natale, fu deputato al Parlamento di Vienna dove si batté per ottenere l'autonomia amministrativa del Trentino e la costruzione di un'università italiana. Allo scoppio della grande guerra, arruolatosi volontario negli Alpini, combatté per la parte italiana. Catturato da una truppa da montagna dell'esercito austriaco, fu processato e impiccato per alto tradimento in quanto membro della Camera dei deputati d'Austria.
Insieme a Guglielmo Oberdan, Damiano Chiesa, Fabio Filzi, Francesco Rismondo e Nazario Sauro è considerato tra le più importanti figure della causa dell'irredentismo italiano ed eroe nazionale.


(Cliccare sulle immagini per ingrandirle)
Via Felice Cavallotti. Molfetta.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...