La cappella della Madonna della Rosa.

La cappella della Madonna della Rosa - Rosa Mistica (Ora Pro Nobis).
La chiesa -torre della “ Madonna della rosa” e' un esempio di architettura rurale che risale al XVI sec., (la sua presenza e' certamente documentata gia' dal 1549 - 1550).

La chiesa-torre della Madonna della Rosa, dotata di caditoia, pozzo, cisterna è situata a Molfetta sulla via del Mino, sulla provinciale per Bitonto, risale al primo Cinquecento. Lo si deduce da una notizia riportata da Francesco Samarelli nell'opuscolo Chiese e cappelle esistenti a Molfetta (1941), dove si legge che nel biennio 1549-1550 le entrate e le uscite all'amministrazione della chiesetta erano sottoposte al visto di un “razionale” (oggi diremmo contabile o revisore dei conti). Il locale della chiesetta si trova a piano terra, e' a pianta quadrata (7mt.x 7mt.).
Chi s'incaricava di rappresentare un ente o un ordine, di trattarne gli affari e provvedere alle necessità dei beni posseduti, erano i procuratori. Per conto del Capitolo della Cattedrale nel 1581 i procuratori di S. Maria della Rosa erano i canonici Cesare Monno e Giovan Battista Schifosa, che il 30 marzo di quell'anno dichiararono di aver ricevuto dal “sacristano” don Giovanni di Pinto un calice, sul cui pomo c'era il nome di don Renzo Volpicella, un camice di tela con l'amitto e una pianeta di “ormesino verde” per officiare nella cappella rurale. È quanto si ricava da una ricevuta dell'Archivio Diocesano, rinvenuta nell'aprile 1982 dall'insegnante Elena Altomare e passata a don Leonardo Minervini, che lo pubblicò sul settimanale “Luce e Vita” con una breve premessa.


Perché la chiesetta ha quell'intitolazione? Ce lo spiega Antonio Salvemini nel suo Saggio storico della città di Molfetta (1878): “Vien detta della Rosa per ragione delle rose che la Madre ed il Figlio [ritratti sul muro dell'altare] hanno nelle mani e che simboleggiano quella rosa dell'ardente carità materna che Maria dimostra continuamente di avere verso dei suoi figli, come la saluta la Chiesa tuttodì nei divini ufficii col titolo di Rosa mistica”.

La meditazione e l'ascesi possibili nel raccoglimento della cappella immersa nel silenzio dei campi spiegano la richiesta di concessione della chiesa-torre, per la fondazione e l'uso di una grancia gerolamina, avanzata nel XVII secolo al Capitolo molfettese da parte di eremiti di S. Girolamo forestieri. Addirittura – ci fanno sapere Corrado Pappagallo e Corrado Pisani – nel 1649 un genovese, Giovanni Sambuceto, volle per testamento essere sepolto nella chiesetta di S. Maria della Rosa, lasciando un'elemosina di quattro ducati e mezzo e fra Giovan Lonardo Sciancalepore, che serviva nella cappella. E le sue volontà testamentarie furono rigorosamente rispettate, visto che nel primo “Registro dei morti” della Cattedrale, sotto lo stesso anno, risulta un'inumazione in Sancta Maria rosarum, come desumo da un libro di don Luigi de Palma sulla Confraternita della Morte. Strada Prov. per Bitonto loc. Madonna della Rosa - Molfetta - BA - Puglia. Sul timpano della porta vi e' un'immagine della madonna col bambino con l'iscrizione “rosa mistica ora pro nobis”. Dopo anni di costruzione, anche la parrocchia della Madonna della Rosa ha una sua nuova sede stabile in un edificio costruito appositamente per una delle comunità parrocchiali più grandi di Molfetta, attualmente in via di espansione, dietro l'ospedale. Il 9 marzo 2013 la comunità parrocchiale della Madonna della Rosa ha preso sede definitiva nella nuova chiesa alle spalle dell'ospedale cittadino realizzata per volontà del Vescovo Mons. Luigi Martella, 9 Marzo 2013 anno della Fede. (Da: Wikipedia, l'enciclopedia libera).

Guarda la nuova sede.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...