La Pietà molfettese in processione a Roma dal Papa.

Per la prima volta nella storia la Pietà molfettese il 21 Maggio 2016 alle ore 7:30 lascia la Sua Molfetta per dirigersi a Roma presso la Basilica San Giovanni Battista dei Fiorentini, in via degli Acciaioli 2. Il giorno seguente, Domenica 22 Maggio alle 8:00 fu concelebrata l’Eucaristia presieduta dal card. Paul Richard Gallagher, Segretario della Santa Sede per i rapporti con gli Stati e dalle 9.00 alle 11.30 venne riproposta, dall'Arciconfraternita della Morte, la suggestiva processione della "Pietà" del Sabato Santo.
I confratelli, vestiti in abito di rito, con a spalla il Sacro Simulacro della Pietà del Maestro Giulio Cozzoli, partirono dalla Basilica di San Giovanni dei Fiorentini e passando dal ponte di Castel Sant'Angelo e da Via della Conciliazione, si raccoglieranno in preghiera in Piazza San Pietro dove ascolteranno l'Angelus recitato da Papa Francesco. Percorso: Via degli Acciaioli, corso Vittorio Emanuele, largo Tassati, via del Banco di Santo Spirito, Ponte Sant'Angelo, lungotevere Castello; poi sarà la volta della grandiosa via della Conciliazione che aprirà alla magnifica Piazza San Pietro.
Accompagna il corteo il "Gran complesso bandistico Francesco Peruzzi Città di Molfetta" che eseguirà, lungo tutto il percorso solenni marce funebri. Momenti emozionanti e tanta commozione durante questi bellissimi momenti. Alle 13.06 la Cristianità ha aperto il portone centrale della Basilica di San Pietro accogliendo i Pellegrini venuti da Molfetta, e la Pietà dei Molfettesi ha percorso la navata centrale sino al Colonnato del Bernini. La Pietà successivamente è tornata a Molfetta in tarda serata del 22 Maggio 2016.
Guarda anche il video.



La basilica di San Giovanni dei Fiorentini è un luogo di culto cattolico di Roma. Dedicata a san Giovanni Battista, fu iniziata nel XVI secolo e completata nel XVIII all'inizio di Via Giulia come chiesa nazionale dei fiorentini a Roma. È basilica minore e sede dell'omonima parrocchia.
L'abside della basilica rappresenta un vero e proprio museo della scultura barocca immediatamente successiva a Bernini e Algardi: l'altare maggiore si apre sull'imponente gruppo scultoreo raffigurante il Battesimo di Cristo, opera di Antonio Raggi con ai due lati i sepolcri della famiglia Falconieri con le statue de La Fede di Ercole Ferrata e de La Carità di Domenico Guidi, arricchite da geni in stucco sempre di mano di questi, mentre settecenteschi sono i ritratti marmorei di membri della famiglia Falconieri in medaglioni policromi, retti da putti. Di Paolo Benaglia è la memoria di Alessandro Falconieri e Marianna Lante di gusto neoclassico.


Il colossale altare maggiore, tutto in marmo rosso di Francia e marmo rosso di Cottanello (proveniente dall'omonimo paese in provincia di Rieti) è sormontato da La Giustizia di Michel Anguier e da La Fortezza di Leonardo Reti.
Il transetto è poi arricchito dai busti commemorativi di Antonio Barberini, del Bernini, di Pietro Francesco De Rossi, di Domenico Guidi, di Ottaviano Acciaioli, di Ercole Ferrata, e di Ottavio Corsini dell'Algardi.


La Pietà molfettese è un'opera realizzata dallo scultore Giulio Cozzoli
(Cliccare sulle immagini per ingrandirle).
La Pietà presso via della Conciliazione e presso piazza San Pietro durante l'Angelus del Papa.
Giubileo della Misericordia.















(Ringraziamo Gegè Luigi Gadaleta per alcune di queste bellissime foto).

La basilica di San Pietro in Vaticano (nome esatto completo: papale basilica maggiore di San Pietro in Vaticano) è una basilica cattolica della Città del Vaticano; simbolo dello Stato del Vaticano, cui fa da coronamento la monumentale piazza San Pietro.

È la più grande delle quattro basiliche papali di Roma, spesso descritta come la più grande chiesa del mondo e centro del cattolicesimo. Non è tuttavia la chiesa cattedrale della diocesi romana poiché tale titolo spetta alla basilica di San Giovanni in Laterano, che è anche la prima per dignità essendo Madre e Capo di tutte le Chiese dell'Urbe e del Mondo.

In quanto Cappella Pontificia, posta in adiacenza del Palazzo Apostolico, la basilica di San Pietro è la sede delle principali manifestazioni del culto cattolico ed è perciò in solenne funzione in occasione delle celebrazioni papali, ad esempio per il Natale, la Pasqua, i riti della Settimana Santa, la proclamazione dei nuovi papi e le esequie di quelli defunti, l'apertura e la chiusura dei giubilei e le canonizzazioni dei nuovi Santi. Sotto il pontificato di Pio IX ospitò le sedute del Concilio Vaticano I e sotto papa Giovanni XXIII e Paolo VI quelle del Concilio Vaticano II. La costruzione dell'attuale basilica di San Pietro fu iniziata il 18 aprile 1506 sotto papa Giulio II e si concluse nel 1626, durante il pontificato di papa Urbano VIII, mentre la sistemazione della piazza antistante si concluse solo nel 1667. Si tratta tuttavia di una ricostruzione, dato che nello stesso sito, prima dell'odierna basilica, ne sorgeva un'altra risalente al IV secolo, fatta costruire dall'imperatore romano Costantino I sull'area del circo di Nerone e di una contigua necropoli dove la tradizione vuole che san Pietro, il primo degli apostoli di Gesù, fosse stato sepolto dopo la sua crocifissione. Oggi è possibile solo immaginare l'imponenza di questo edificio, immortalata soltanto in alcune raffigurazioni artistiche: l'impianto, arricchito nel corso dei secoli con preziose opere d'arte, era suddiviso in cinque navate con copertura lignea e presentava analogie con quello della basilica di San Paolo fuori le mura, aveva 120 altari di cui 27 dedicati alla Madonna.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...