Chiesa Sant'Andrea.

La Chiesetta di Sant'Andrea - Vulgo Sant'Antonio, collocata in Via Piazza, nell'antico borgo, esisteva già nel 1126, ed è tra le prime della città di Molfetta ad essere documentata. Rifatta nel XVI secolo, come si deduce dalle iscrizioni poste sul cornicione esterno della facciata, nella chiesa si venera anche il Sant'Antonio di Padova. Nella chiesa di S. Andrea, si custodisce la statua in legno di Sant'Antonio, di autore ignoto. L'attuale statua di Sant'Antonio non è in realtà quella originale. L'antica statua, commissionata dal Priore G. Alfonso Calò nel 1709,  fu portata in processione fino al 1825.
Nella chiesa di Sant'Andrea è presente anche un organo 8' a 19 canne costruito da Giuseppe Rubino nel 1771, collocato in cantoria sulla porta principale e racchiuso in cassa lignea intagliata e dorata. 


Andrea (in lingua greca: Ανδρέας; denominato secondo la tradizione ortodossa Protocletos o il Primo chiamato; Betsaida, 6 a.C. – Patrasso, 30 novembre 60) è stato un apostolo di Gesù Cristo, venerato come Santo dalla Chiesa cattolica e da quella ortodossa.

Antonio di Padova, noto anche come Antonio da Lisbona (in portoghese António de Lisboa), al secolo Fernando Martins de Bulhões (Lisbona, 15 agosto 1195 – Padova, 13 giugno 1231), è stato un religioso e presbitero portoghese appartenente all'Ordine dei Frati Minori, proclamato santo da papa Gregorio IX nel 1232 e dichiarato dottore della Chiesa nel 1946.
Da principio canonico regolare a Coimbra dal 1210, poi dal 1220 frate francescano. Viaggiò molto, vivendo prima in Portogallo quindi in Italia e in Francia. Nel 1221 si recò al Capitolo Generale ad Assisi, dove vide e ascoltò di persona san Francesco d'Assisi. Terminato il capitolo, Antonio fu inviato a Montepaolo di Dovadola, nei pressi di Forlì. Fu dotato di grande umiltà, ma anche di grande sapienza e cultura, per le sue valenti doti di predicatore, mostrate per la prima volta proprio a Forlì nel 1222.
Antonio fu incaricato dell'insegnamento della teologia e inviato dallo stesso san Francesco a contrastare in Francia la diffusione del movimento dei catari, che la Chiesa di Roma giudica eretico. Fu poi trasferito a Bologna e quindi a Padova. Morì all'età di 36 anni. Rapidamente canonizzato (in meno di un anno) il suo culto è fra i più diffusi del cattolicesimo.


Molfetta nel passato.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...