Le cartellate ( carteddàte ).

Le cartellate sono dei tipici dolci originari della Puglia e prodotti anche nelle regioni limitrofe.
Preparate soprattutto a Natale, nella tradizione cristiana rappresenterebbero l'aureola o le fasce che avvolsero il Bambino Gesù nella culla, ma anche la corona di spine al momento della crocifissione.
Il nome potrebbe derivare da carta, incartellate, cioè sinonimo di incartocciate, secondo la loro tipica forma arabesca. Agli albori del Cristianesimo, queste frittelle rituali si sarebbero trasformate in doni alla Madonna, cucinati per invocarne l'intervento sulla buona riuscita dei raccolti. Gli ingredienti sono: farina gr 1000, olio extravergine d'oliva gr 200, zucchero gr 150, uova n° 2, vino bianco quanto basta o miele o zucchero a velo.
Guarda la ricetta vincotto.
Guarda la ricetta cartellate.


Le cartellate sono, inoltre, citate come nuvole in un resoconto del 1517, stilato in occasione del banchetto nuziale di Bona Sforza, figlia d'Isabella d'Aragona e nel 1762 in un documento redatto dalle suore benedettine di un convento di Bari. Ne esistono numerose varianti, ma la ricetta tipica regionale è quella che le vede impregnate di vincotto tiepido o di miele, e poi ricoperte di cannella, zucchero a velo oppure mandorle. 
Il vincotto è un condimento derivante dalla cottura del mosto proveniente dalle uve pugliesi Negroamaro e Malvasia o dai fichi. (Wikipedia, l'enciclopedia libera).



Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...