Molfetta negli affreschi del Museo Vaticano a Roma.

Nei palazzi Vaticani a Roma, più precisamente presso il museo Vaticano, corridoio delle cartine geografiche, è possibile ammirare eccezionali affreschi rappresentanti le cartine geografiche dell'Italia antica. Grazie a questi affreschi è possibile conoscere alcuni dettagli anche della città di Molfetta, quali nome, costa e topografia. La galleria è posta lungo l'itinerario che conduce alla Cappella Sistina, ed è un'eccezionale rappresentazione cartografica delle regioni d'Italia, realizzata tra il 1581 e il 1583. Costituisce in tal modo una testimonianza preziosa delle cognizioni geografiche e dello stato dei luoghi in quell'epoca. (Cliccare sulle immagini per ingrandirle). Foto di Molfetta nel passato.

(Foto: corridoio delle cartine geografiche - Palazzi Vaticani, Roma).

È un corridoio di 120 metri di lunghezza e sei di larghezza, sulle cui pareti sono raffigurate quaranta carte delle varie regioni d'Italia, ciascuna con le mappe delle principali città, e si conclude con le vedute dei suoi porti principali del Cinquecento. 


(Foto: notiamo l'antica denominazione di Molfetta, 1580 Ignazio Danti, con annessa Basilica Madonna dei Martiri).

Fu papa Gregorio XIII ad ordinare la costruzione della galleria, e l'opera fu diretta dal matematico, geografo e amico del Papa, Ignazio Danti, domenicano, che si occupò della sua realizzazione tra il 1581 e il 1583. E' una fedele rappresentazione dello stato dei luoghi dell'epoca, potendo addirittura visionare la densità di abitazioni esistenti a quei tempi.
Gli artisti che vi lavorarono furono Girolamo Muziano, Cesare Nebbia, i due fratelli fiamminghi Matthijs Bril e Paul Bril, Giovanni Antonio Vanosino da Varese e Antonio Danti che la decorarono e affrescarono tra 1580 e il 1585, seguendo le indicazioni di Ignazio Danti, originario di Perugia. 



(Foto: attuale denominazione della città di Molfetta).



MOLFETTA NEL PASSATO.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...