Molfetta nel passato.


Molfetta nel passato è l'archivio storico dedicato alla città di Molfetta. Utilizzando la barra "cerca" a destra, oppure esplorando le varie sezioni elencate è possibile trovare tantissime informazioni, foto e video di Molfetta, sistemate per categoria e sezioni dettagliate.
Buona navigazione.


Il Papa a Molfetta. 20 Aprile 2018.

Foto, costantemente aggiornate, di "Molfetta nel passato" 20 Aprile 2018. (Cliccare sulle immagini per ingrandirle). Vai all'evento.























Papa Francesco si recherà il 20 aprile in Puglia, ad Alessano e Molfetta, in occasione del 25.mo anniversario della morte di mons. Tonino Bello. 
Il programma.
Nella mattinata del 20 aprile il Pontefice si recherà prima in visita ad Alessano (Lecce) nella diocesi di Ugento-Santa Maria di Leuca, e successivamente a Molfetta (Bari), nella diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi. Programma: Roma partenza del Papa, con delegazione, in aereo alle 7:30 da Ciampino, atterraggio alle ore 8:25 all’aeroporto militare di Galatina (Lecce), da cui poi ripartirà subito in elicottero per Alessano. Papa Francesco Bergoglio atterrerà alle 8:30, parcheggio adiacente il cimitero, accolto da monsignor Vito Angiuli, vescovo di Ugento e dal sindaco di Alessano Francesca Torsello. Il Pontefice sosterà successivamente per circa 15 minuti, in privato, sulla tomba di monsignor A. Bello e ne saluterà i Familiari. Successivamente si recherà sul piazzale antistante il cimitero per un saluto ai fedeli e terrà un discorso a tutta la Comunità.

Alle ore 9:30 il decollo in elicottero da Alessano, destinazione Molfetta, arrivo previsto alle 10:20 nella zona del porto, retrostante il Duomo, dove il Santo Padre sarà accolto dal Vescovo Monsignor Domenico Cornacchia e dal sindaco Tommaso Minervini; breve visita privata di Papa Bergoglio, accompagnato dal Vescovo e dal Sindaco, al Duomo di Molfetta. A seguire il Papa, con la papamobile attraverserà banchina San Domenico, arrivando fino alla Chiesa del Purgatorio per poi effettuare l'intero giro della villa comunale e tornare indietro ai piedi dell'altare.

Papa Francesco celebrerà la Santa Messa sull'altare sistemato all'altezza dell'incrocio tra Corso Dante, Banchina San Domenico e Banchina Seminario (piazza minuto pesce). Alle ore 10:30 circa la Santa Messa. A fine Messa, saluto ai Fedeli e successivamente il Papa ripartirà poi in elicottero alle ore 12 per rientrare direttamente in Vaticano, Roma, alle ore 13:30. Ricordiamo a tutti, che per accedere all'area rossa, dove il Santo Padre celebrerà la Santa Messa, si dovrà superare uno dei 12 punti di accesso con relativo controllo da parte delle forze dell'ordine, con l'ausilio di 24 steward dotati di Metal detector potatili. Sette i maxi schermo che trasmetteranno l'intera visita del Santo Padre, dislocati in tutta la zona dell'evento. Le scuole cittadine saranno chiuse per l'evento. Tutta l'area del porto molfettese sarà interdetta a partire dal 19 Aprile. Prevista la presenza di circa 80 mila persone.

Processione B.V. Addolorata.

Le bellissime foto, di Francesco Mangialardi, della processione della B.V. Addolorata, chiesa del Purgatorio (Chiesa di Santa Maria Consolatrice degli Afflitti, vulgo "Purgatorio").
Foto del 24-03-2018 - (Cliccare sulle immagini per ingrandirle).






Le statue della B.V. Addolorata nella storia dell'Arciconfraternita della Morte (Chiesa del Purgatorio) sono state 4. L'attuale statua è stata realizzata da Giulio Cozzoli nel 1957 e portata in processione nel 1958, donata dai coniugi Sergio e Antonietta Magarelli all'Arciconfraternita della Morte. Precedentemente un'altra statua (la terza) in legno, dell'Addolorata, fu portata in processione dal 1905 al 1957 (successivamente “prestata”, nel 1962, alla parrocchia Sacro Cuore di Gesù, di Molfetta). La seconda versione dell'Addolorata è quella che si trova attualmente, nella cappella cimiteriale della Morte, presso il cimitero monumentale molfettese. Della prima versione dell'Addolorata, dell'Arciconfraternita della Morte, ormai si son perse le tracce e riferimenti storici. Lo scultore Giulio Cozzoli non vide mai la Sua opera portata in processione perchè morì il 15/02/1957.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...